Tecnica del vuoto in azione durante la pressatura a caldo di materiali prepreg

Prima di lavorare i materiali prepreg principalmente con la pressa a caldo, il pezzo appiccicoso viene sagomato nella vari forme (1) sul piano di un cutter. Per evitare che i pezzi prepreg si appiccichino tra di loro durante l’immagazzinamento, viene posta una pellicola protettiva sul pezzo prima dell’inizio della pressatura a caldo. Questa fase avviene spesso in modo manuale. Alla fine il dispositivo di presa preleva i pezzi tagliati prepreg e li impila uno sopra l’altro in base ad un ordine ben preciso (2). I vari strati formano il così detto kit. La superficie appiccicosa rappresenta una vera e propria sfida per il dispositivo di presa impiegato in questa fase produttiva. Infatti, durante la movimentazione i singoli strati non devono rimanere appiccicati al dispositivo di presa.

Il dispositivo di presa posiziona accuratamente il kit nello stampo della pressa a caldo (3) che poi si metterà in azione applicando pressione e calore (4). Alla fine del procedimento si ottiene un componente CFK (5) tridimensionale che sarà poi prelevato da ventose che non lasciano alcuna traccia sulla superficie.

Contatto

Schmalz Inc.
5850 Oak Forest Drive
Raleigh NC 27616
Stati Uniti d'America

Tel. +1 919 713-0880
Fax +1 919 713-0883
schmalz@schmalz.us
Biglietto da visita

Requisiti per la tecnologia del vuoto

Appiccicosità del pezzo
I materiali prepreg si contraddistinguono perché vengono pre-impregnati con resine reattive e quindi presentano una superficie appiccicosa. Questa caratteristica rappresenta una vera sfida per il dispositivo di presa responsabile per la movimentazione dei pezzi. Questi non devono rimanere appiccicati al dispositivo e devono essere posizionati con estrema precisione nello stampo. È inoltre importante che il dispositivo di presa non sporchi troppo.

Movimentazione delicata dei pezzi sensibili
Per le operazioni di pressatura ed indurimento del pezzo è importante che le fibre siano orientate in modo corretto. Le piastre di aspirazione SPL, POM-NBR distribuiscono il vuoto in modo uniforme e grazie alla loro particolare costruzione e presa del pezzo impediscono la deformazione del semilavorato.

Prodotti per l’impiego con la pressa a caldo dei materiali prepreg

Piastre di aspirazione SPL POM-NBR

  • Diametro: da 40 a 115 mm
  • Materiale anello di tenuta: NBR
  • Corpo base in alluminio

Piastra matrice

  • Presa di pezzi piatti con controllo individuale dei punti di aspirazione per il sollevamento e l’abbassamento selettivo dei pezzi
  • Il principio di prelievo dei pezzi piatti permette una movimentazione precisa e garantisce che i componenti mantengono inalterate dimensioni e forma
  • Il controllo selettivo dei punti di aspirazione permette al dispositivo di adattarsi in modo flessibile alle varie forme