Tecnologia del vuoto per la movimentazione del vetro flottato e del vetro per l’edilizia

Gran parte del vetro utilizzato nell’edilizia o in altri settori viene prodotto col metodo così detto flottato. Questo procedimento prevede la produzione dei componenti del vetro in un processo a ciclo continuato che presenta temperature pari a 1.000°C. Il vetro fuso galleggia su un bagno di stagno fuso. Il vetro è più leggero e quindi galleggia sulla superficie trasformandosi poi in lastra. Ad una temperatura di circa 600°C il vetro solidificato viene estratto dal bagno, raffreddato ulteriormente e poi tagliato dopo un controllo ottico.

Successivamente il vetro viene mandato alle successive fasi di lavorazione oppure impilato e quindi trasportato per le operazioni successive. La produzione delle lastre di vetro per l’edilizia prevede l’applicazione di rivestimenti, il taglio secondo le dimensioni richieste, la levigazione dei bordi e, se necessario, altre tipologie di lavorazione. Durante l’intero ciclo produttivo il vetro viene movimentato, trasportato e bloccato per mezzo di sistemi con tecnologia a vuoto.

I sistemi di movimentazione automatizzata sono in funzione 24 ore su 24. La disponibilità degli impianti è quindi di fondamentale importanza e rappresenta un vantaggio competitivo decisivo.

Richiesta prodotto

Consulenti di sistema esperti la assisteranno nel dimensionamento del sistema di vuoto per i requisiti specifici del suo settore.

Richiedi Prodotto

J. Schmalz GmbH
Johannes-Schmalz-Str. 1
72293 Glatten
Germania

T: +49 7443 2403-102
F: +49 7443 2403-399
customercenter@schmalz.de

Modulo di contatto


Requisiti per la tecnologia del vuoto

Forze trasversali elevate anche in presenza della polvere di separazione
Per eliminare l’effetto delle forze di adesione che si generano tra le lastre di vetro impilate, è necessario utilizzare della polvere di separazione. Le ventose speciali SGF e SAB generano forse trasversali elevate anche in presenza della polvere di separazione. Il particolare profilo delle ventose per il vetro è in grado di generare delle forze di attrito per una movimentazione sicura.

Movimentazione senza lasciare alcuna traccia
Durante il processo di lavorazione è estremamente importante evitare che sulle superfici delle lastre di vetro rimangano delle impronte. Le ventose realizzate in HT1, un materiale speciale che non lascia impronte, possono essere utilizzate anche con temperature fino a 170 °C. Insieme ad una piccola pressione sulla superficie, le ventose per vetro SGF e SAB sono ottimali per soddisfare le esigenze di questo tipo di applicazioni. Con i rivestimenti per ventose SU è possibile anche evitare qualsiasi contatto tra la ventosa ed il vetro. Per il sistema di presa a vuoto ad area è stata sviluppata una schiuma speciale con rivestimento protettivo che permette l’impiego sui rivestimenti morbidi (per es. Low-E). Ampia superfice di contatto con pressione superficiale minima, ideale per una movimentazione delicata.

Tempi ciclo brevi e precisione elevata
I processi di movimentazione richiedono tempi ciclo brevi. L'eiettore compatto SXMPi si contraddistingue soprattutto per la sua grande potenza di aspirazione e di scarico. Queste caratteristiche offrono tempi di aspirazione e scarico brevissimi ed un consumo energetico minimo perché l’eiettore si attiva per mezzo del sistema automatico di risparmio aria integrato solo quando è necessario il vuoto. L’eiettore compatto intelligente dispone inoltre di un’ampia gamma di funzioni per il controllo energetico e del processo.

Disponibilità dell'impianto e bassi costi energetici
Non solo per evitare la tappatura, ma anche per individuare possibili contaminazioni e la tappatura è di fondamentale importanza per la disponibilità dell'impianto. Il rilevamento consente di evitare in modo tempestivo e mirato un arresto non pianificato dell'impianto. Il generatore di vuoto SCTSi, un terminale con fino a 16 circuiti di vuoto individuali, consente l'integrazione diretta nel sistema di controllo tramite IO-Link o Ethernet. In questo modo, i dati elaborati internamente e pre-interpretati possono essere trasferiti direttamente al sistema di controllo e, ad esempio, è possibile rilevare precocemente una perdita in un circuito di aspirazione. Parliamo qui anche di EPC - Energy and Process Control. Inoltre, i generatori di vuoto pneumatici hanno un controllo integrato per il risparmio d'aria, riducendo così al minimo il consumo energetico.


Tecnologia del vuoto per il settore del vetro float e da costruzione