Piccoli, potenti, elettrici: il nuovo generatore di vuoto ECBPM

Schmalz amplia la sua linea di generatori di vuoto elettrici. Il nuovo CobotPump ECBPM - M sta per “mini” - è stato sviluppato appositamente per la movimentazione automatizzata di piccoli pezzi con una singola ventosa. Normalmente questo soluzione leggera e compatta per i robot collaborativi viene fornita con una portata pari a 3 kg.

Il generatore di vuoto ECBPM in azione con un robot leggero.

Così come avviene nel modello più grande, il ECBPi, anche in questo nuovo generatore il vuoto viene prodotto elettricamente e quindi senza aria compressa. In questo modo non c’è più bisogno di una tubazione convenzionale, fattore questo che semplifica sia l’impiego con i robot mobili che con quelli collaborativi per i compiti di movimentazione fissi. Il cuore della pompe è rappresentato da un motore a bassa usura. Questo genera un vuoto fino a 400 mbar e sviluppa una capacità di aspirazione di un litro al minuto. In questo modo il piccolo CobotPump è in grado di generare una forza di presa sufficiente per eseguire le operazioni di Bin-Picking in modo affidabile - cioè la presa di oggetti ermetici da un contenitore. La funzione risparmio energetico garantisce un funzionamento particolarmente efficiente: questa interrompe la generazione di vuoto non appena viene raggiunto il valore del vuoto e la riattiva quando il valore scende al di sotto della soglia minima.

Durante le fasi di sviluppo del ECBPM Schmalz si è concentrata sulle dimensioni compatte, sul basso peso e su una messa in funzione semplice. Quindi il nuovo componente per il vuoto presenta un diametro di soli 63 mm e un’altezza di 56 mm. In questo modo il generatore di vuoto può essere integrato facilmente in vani particolarmente piccoli. Grazia all’adattatore flangia e all’interfaccia elettrico centrale con spina M8, il generatore ECBPM può essere installato facilmente e comandato direttamente in base al principio “Plug&Produce”.

Scarico

Testo e immagine